1 settembre 2016

Food packaging: 15 concept per una pausa pranzo creativa

L’estate è agli sgoccioli, si torna a pieno ritmo alla vita d’ufficio. E alle gioie semplici della vita quotidiana, come la pausa pranzo e… il packaging. Meglio se magistralmente integrati per rendersi vicendevolmente più ghiotti. Se anche a voi capita di tornare a casa dalla spesa con le buste piene di articoli scelti per le loro confezioni ed etichette, potete scommettere che alla fine di questo post avrete molto, molto appetito…

Creative lunch: il food packaging che mette appetito.

Pasta: il cuore della dieta all’italiana. Alimento versatile, cambia gusto e sapore con la velocità di un condimento… o di una confezione. Ecco come fusilli, pennette & co. possono rinnovare il loro appeal grazie a grafiche ultra-colorate ispirate alla pop-art oppure pattern raffinati in B&W dal gusto fashion o, ancora, design funzionali che citano la tradizione con packaging di sorprendente creatività.

pasta_best_packaging
Design: Oliver Sjöqvist, Nanna Basekay, Fanny Löfvall
pasta2_best_packaging
Design: Here Design
pasta_best_packaging
Dedign: Breno Cardoso

 

Insalate di riso e risotti sono la vostra passione? Immaginate allora di arrivare a lavoro con una lunch box come questa, che rende attuale la millenaria cultura contadina cinese attualizzandola grazie ad un packaging dal design minimal e ad un’attenta selezione dei materiali. (Design: Version) rice_best_packaging

 

Alcuni di noi mangerebbero sushi almeno una volta al giorno. Ma con un pack come questo –  spumeggiante esempio di art direction, branding e packaging funzionale - anche due. (Design: Oliver SjöqvistNanna BasekayFanny Löfvall) sushi_best_packaging_2016

 

Preferite delle pietanze a base di carni? In Russia esiste una macelleria che ha puntato il suo restyling sulle illustrazioni. Ricercate ma molto ironiche, degne di una vera e propria “meat boutique” dove anche la carta alimentare sembra “taggata” da uno street artist. (Design: Kalimera) meat_best_packaging_2016

 

High up in the mountains the best cheesemongers of Causasus made cheese. Danar was the name of this cheese. This cheese brought together people to share their dinner to lift up a glass of wine and to start the talk.” La tradizione casearia del Caucaso distillata in puro storytelling: parole e immagini su packaging di grande impatto, per scoprire la componente umana e sociale che popola il mondo di formaggi. (Design: Getbrand) cheese_best_packaging_2016

 

Tortilla spagnola, frittata o omelette? La creatività in cucina è assicurata se le uova arrivano da una confezione assolutamente unconventional ed ecosostenibile, studiata per assorbire gli urti e per trovare agilmente spazio in dispensa o nel frigorifero. (Design: Gonzalo Castro Guillén) eggs_best_packaging_2016

 

Pizza o non pizza? Il packaging perfetto per una pizza margherita non poteva che essere così: molto pratico e… un po’ “petaloso”.  Il concept creativo prevede dei pack mono-porzione per gustare la pizza anche in movimento senza sporcarsi le mani.  (Design: Yinan Wang) pizza_best_packaging_2016

 

Pausa pranzo all’aria aperta? Ecco un packaging pensato per lo street food,: realizzato in cartone eco-sostenibile, permette di gustare sandwich e tacos on the go. (Design: Rasmus ErixonTobias Möller) street food_best_packaging_2016

 

Nel pieno della Pokemon Go mania, anche le spezie si schiudono da una sfera. Grazie al packaging studiato per distribuire il prodotto in molteplici sfere, le fragranze e i sapori si conservano inalterati più a lungo. (Design: Risa Takeuchi) spice_best_packaging_2016

 

Il design di qualità non è solo bello, ma anche utile e, in qualche modo, educativo. Ecco un pack che richiama la piramide alimentare e mostra con trasparenza il suo fresco contenuto, studiato per proporre insalate nutrizionalmente equilibrate e genuine. Perfettamente in linea con il nuovi trend “clean label”. (Design: Jeannie Burnside)

 

Frutta: il dolce dono della natura. Ma se arriva in un pacco regalo è anche più buona! (Design: Edmundas Jankauskas) fruit_best_packaging_2016

 

Dulcis in fundo… ecco tre concept per chiudere la pausa pranzo con il massimo della dolcezza (e della visibilità): barrette di cioccolata capaci di sciogliere anche i colossi della storia, panettoni per la gioia del type addicted e simpatiche scimmiette che dispensano frutta secca con un sorriso! chocolate_best_packaging_2016 Design: Masoud Rostami   panettone_best_packaging_2016 Design: Base Design

dried_fruit_best_packaging_2016
Design: Rasmus Erixon

 

Per digerire una scorpacciata di stimoli di questa portata ci vuole almeno una tanica di caffè, non è vero? Beh, eccone due! Scatole di metallo per preservare al massimo la fragranza dei chicchi da macinare, una grafica elegante per esaltare lo stile del nostro propellente preferito.  (Design: Christopher Williams, Also Known As) coffee_best_packaging_2016

SHARE