15 gennaio 2015

Facebook at Work: inizia il test del nuovo social per aziende

Grande notizia in casa Zuckerberg: Facebook at Work, la piattaforma social pensata per separare la vita lavorativa da quella privata, non è più solo una voce di corridoio. Infatti, dopo una lunga fase di test svoltasi presso gli stessi uffici di Menlo Park, la sperimentazione si è finalmente estesa anche alle aziende. O, perlomeno, a una ristretta selezione delle stesse.

1

Il nuovo software blu cobalto consentirà di creare un account di lavoro separato dal proprio account personale Facebook, così da poter utilizzare gli ormai consueti strumenti social per migliorare la collaborazione con i propri colleghi senza per questo penalizzare la salvaguardia della propria privacy: ciò che condividi nel tuo account Facebook At Work, infatti, sarà visibile soltanto all’interno dell’azienda e da nessun altro.

“Sarà quindi possibile restare in contatto con i propri colleghi nello stesso modo in cui lo si fa con i propri amici e familiari attraverso il social network”, spiegano da Menlo Park.

Maked Blog - Facebook at Work: inizia il test del nuovo social per aziende

Vi è comunque la possibilità di collegare il proprio account personale a quello di lavoro, così da poter switchare tra l’uno e l’altro facilmente, proprio come già succede tra gestori di Pagine e Pagine stesse. E, a proposito di quest’ultimo esempio, attenzione a non confondere Facebook At Work con Facebook for Business!

Mentre il primo, infatti, è uno strumento pensato per facilitare la comunicazione tra colleghi in ambito lavorativo, il secondo è uno strumento il cui scopo è aiutare le aziende a gestire le Pagine Facebook, gli account pubblicitari e le applicazioni tramite un unico account. Una differenza sostanziale, dunque.

Maked Blog - Facebook at Work: inizia il test del nuovo social per aziende

La possibilità per un’impresa di creare il proprio social network aziendale è un progetto ambizioso con cui Facebook mira a facilitare il dialogo interno grazie a strumenti ormai noti e utilizzati come il news feed, i gruppi, i messaggi e gli eventi, attraverso un modello di business basato su abbonamento anziché sulla pubblicità.

Insomma, tante sono le novità in caldo ma una data ufficiale di rilascio non è stata ancora resa nota: che sia in arrivo una nuova era della comunicazione aziendale? Non resta che attendere per sperimentare di persona, o meglio… d’azienda!

SHARE